È un test diagnostico che serve per rilevare la possibile presenza di patologie o malattie del tratto urinario. L’esame è inoltre utile sia per scopi di prevenzione, in abbinamento a Esami Ematologici (Vedi Esami Ematologici CMA), sia per monitorare le condizioni di un Paziente affetto da patologia cronica.

Quali caratteristiche vengono valutate nell’Esame delle urine?

L’Esame completo delle urine prevede un’analisi che si basa su tre caratteristiche principali in grado di permettere una valutazione dell’urina:

  • Caratteristiche fisiche (colore, densità, odore, peso specifico)
  • Caratteristiche chimiche (Ph, proteine, glucosio, nitriti, chetoni, esterasi leucocitaria, presenza di bilirubina)
  • Caratteristiche microscopiche: fornisce informazioni circa la presenza di cristalli, batteri, globuli rossi/globuli bianchi, cellule squamose

Quali patologie possono essere evidenziate dall’Esame delle urine?

Lo Specialista Medico può prescrivere un Esame delle urine per evidenziare la presenza di malattie e patologie come:

  • Infezioni urinarie o renali
  • Diabete
  • Calcoli renali
  • Disfunzioni renali
  • Prostatite

Quali disturbi necessitano di un Esame delle urine?

Gli Esami delle urine si rendono necessari quando si manifestano disturbi come:

  • Dolore addominale
  • Minzione frequente
  • Minzione dolorosa o sensazione di bruciore
  • Difficoltà ad urinare
  • Ematuria: presenza di sangue nelle urine
  • Dolore al fianco destro o sinistro

Come avviene l’Esame delle urine presso il Centro Medico Ambrosiano?

La raccolta del campione di urina deve essere effettuata la mattina appena svegli, cercando di raccogliere il secondo getto della minzione in un contenitore sterile, che può essere fornito dal laboratorio del Centro Medico Ambrosiano.
È essenziale stare attenti a non toccare i bordi interni al fine di non alterare la sterilità del contenitore, il quale deve essere consegnato lo stesso giorno della raccolta presso il laboratorio del CMA, che provvederà ad effettuare le dovute analisi.
In base ai risultati del referto, resi noti in genere entro 2 giorni, si possono rendere necessari ulteriori esami specifici quali:

  • Citologia urinaria: prevista quando viene riscontrato del sangue nell’esame standard, serve per evidenziare cellule anomale connesse a tumori del tratto urinario
  • Urinocoltura: rivela la presenza di batteri responsabili di un’infezione urinaria
  • Uroflussometria: prevista quando si manifestano difficoltà nell’urinare, riconducibili a varie patologie, permette di valutare il flusso urinario, misurandone il volume, la velocità e il tempo impiegato durante la minzione